fauna, fondali marini (Atlantico)

Torna Indietro

Oceano Atlantico: i fondali marini


Che l'Atlantico sia percorso da una lunga dorsale longitudinale sottomarina, Ŕ un fatto. La catena Ŕ stata scoperta
per mezzo di numerosi scandagli: essa risulta formata essenzialmente da due parti principali che si estendono, quasi simmetricamente, da polo a polo. La catena montuosa settentrionale va dall'Islanda fino alle Azzorre, da qui prosegue verso ovest, formando un grande arco; quella meridionale si estende fino al 54░ grado di latitudine sud. Della catena meridionale affiorano alla superficie le isole vulcaniche di Ascensione, Tristan da Cunha e Gough, punti minuscoli perduti nell'immensitÓ dell'oceano. La catena in mezzo all'Atlantico Ŕ quasi parallela alla costa dell' America da una parte, e alle coste dell'Europa e dell'Africa dall'altra.
Ad accertare, per mezzo di scandagli, l'esistenza nell'Atlantico di queste grandi catene montuose sottomarine Ŕ stata la spedizione del Meteor. Tra le tante constatazioni sorprendenti, una merita di essere ricordata, ed Ŕ questa: la dorsale sottomarina dell'Atlantico centrale costituisce un sistema montuoso avente le stesse caratteristiche orografiche delle Alpi, ma di altezza doppia. Con la scoperta delle catene, usciva un'altra scoperta: quella di profondi bacini, separati l'uno dall'altro da rilievi trasversali. Particolarmente ricco di questi bacini Ŕ l'Atlantico centrale. Famoso Ŕ il bacino, o fossa, vicino a Portorico: 8525 metri di profonditÓ; in prossimitÓ di questo, nel 1942 ne Ŕ stato misurato un altro profondo 13 500 metri.
Sempre in tema di bacini, ricordiamo quelli dell'Atlantico meridionale: sul lato est, il bacino di Capo Agulhas e quello dell'Angola, separati l'uno dall'altro dalla cosiddetta źDorsale della balena ╗, entrambi conosciuti giÓ prima del 1890. Ancora nell'Atlantico meridionale, ma sul lato ovest: bacino del Brasile, bacino dell'Argentina, tutti e due piatti e profondi, separati dalla trasversale del Rio Grande, da cui affiorano le isole della Georgia del Sud: Trinidad, Martin Vaz e il banco di Abrolhos.
Anche nell'Atlantico del Nord, la catena montuosa sottomarina Ŕ accompagnata, su entrambi i lati, da bacini: si tratta di vaste superfici sotto i 5000 metri. Da questa profonditÓ s'innalza un blocco montuoso lungo un centinaio di chilometri che affiora con le isole Bermude. Sul lato est, da11'8░ al 550 grado di latitudine settentrionale, si trovano altre profonditÓ con margini irregolari. Da queste emergono le isole Canarie e quelle del Capo Verde.
Sulla struttura geologica delle catene montuose e delle trasversali sottomarine non sappiamo molto. Abbiamo conoscenze invece, sia pure frammentarie, sulla natura e sull'estensione dei sedimenti che ricoprono quella zona marina piatta, profonda dai 100 ai 200 metri, che corre dinanzi alle coste; la cosiddetta piattaforma. Su questa zona, per la sua vicinanza alla terraferma, sono molto diffusi i depositi dei corsi d'acqua che sboccano nell'Oceano; in certi punti si trovano anche residui organici, specialmente quelli dei crostacei. Il suolo dell'Atlantico, nei suoi punti pi¨ profondi, risulta coperto per grandi estensioni da due tipi di sedimenti: l'argilla rossa e il fango di globigerina (formato da conchiglie calcaree, da foraminifere e da globigerine ).
Per non parlare degli spettacolari ca1ryons sottomarini. Il parere degli studiosi di geologia marina Ŕ questo: correnti limacciose, precipitanti dai dirupi sottomarini, avrebbero allargato e approfondito, naturalmente nel corso dei millenni, alcuni antichi letti fluviali, trasformandoli appunto in ca1ryons sottomarini: il Canyon Hudson, per esempio, prolungamento verso il mare del fiume Hudson dopo il suo sbocco a New York. Questo catryon, tracciato fino a pi¨ di 180 chilometri oltre la costa, ha una profonditÓ di 3600 metri. Il primato appartiene per˛ al canyon Ameghino, allargo dell'Argentina, almeno tra quelli che conosciamo; ma non Ŕ da escludere che ne esistano di pi¨ profondi.
Per tornare alla mlt1ca Atlantide, sprofondata nell'Atlantico: avanzi fossili pescati sul fondale oceanico rivelano la presenza di una vita antica molto al di lÓ delle attuali linee costiere. GiÓ nel 1913 il geologo francese Pierre Termier aveva fatto interessanti scoperte, che prelievi successivi confermarono con ritrovamenti di fossili di animaletti in grado di vivere soltanto sulla terraferma. Che i fondali di questo Oceano siano stati sede di un'antica vita, lo dimostrano altre scoperte, come per esempio quella del 1864, con il reperimento di due fossili viventi. Nel 1870 fu trovato nell'Atlantico settentrionale un riccio di mare, grande e rosso, fino allora conosciuto soltanto sotto forma di fossile nelle scogliere calcaree di Dover, formatesi probabilmente cento milioni di anni fa.
 

Informazioni sul Mare Mediterraneo e sull' azione erosiva del mare sulle coste, sui mammiferi marini.

Oceani.biz - Su | Contatti | Montagne | Fauna Protetta | Mulino ad Acqua | Fontane | Lago

Tratto da : "SUGLI OCEANI", Volume I - Edizioni Ferni, Ginevra 1976
Testi di : <<Max Polo ; Anna Maria Boschetti>>